corpo 10 settimanale online

Giovanna Gattuso, figlia del Sud, artista che spazia dalla musica, al canto, all’arte, e si presenta in una vesta nuova, quella di scrittrice ed illustratrice del suo libro.

Divine a Spazio MarguttaNella via Margutta al n° 86, esiste un luogo che io definisco mitico. “Spazio Margutta” dove l’arte e la moda coincidono per dare vita a nuovi talenti ed ospitare eventi. Un grazie a Grazia Marino ed Antonio Falanga, che offrono possibilità e gestiscono con grande amore e professionalità questo spazio. Non a caso Giovanna Gattuso ha scelto proprio questo luogo per presentare il suo libro.

Si presenti, io non la conosco, in modo che la possa conoscere e si fa conoscere dai lettori.

Sono Giovanna Gattuso, artista a 360 gradi oggi. Sono una musicista, ed ho illustrato un libro dal titolo “Divine”.

Ci parli del suo libro?

 È una raccolta di donne, illustrate da me, e raccontate da me. Sono donne che hanno influenzato il costume, la moda, ed il pensiero, nell’arco degli ultimi 100 anni. Il libro si divide in 4 grandi capitoli, che raccolgono divine cantanti, divine attrici, menti divine e divine androgine, chiaramente per il look e perché l’androgino, è andato ad influenzare il pensiero ed il costume. Sono donne che in gran parte conosciamo, spesso sotto un aspetto che poi non è solo quello che riguarda la professione. Ci sono, ad esempio, attrici meravigliose come Jane Fonda, che noi conosciamo per film incantevoli, ma come tanti sanno, la Fonda è una grandissima attivista che lotta per il pianeta. Sono andata a ricercare questo aspetto di questi personaggi, così come nel canto e nella musica, ad esempio, Nina Simone, grande cantante jazz, che conosciamo per canzoni che rimangono nella storia, ha utilizzato il canale della musica, per comunicare, al suo enorme grande pubblico in tutto il mondo, quello che era la lotta contro le disuguaglianze razziali

Ma quest’idea come le è venuta?

Sono una musicista affascinata dalla musica, dal bel cinema, il bello delle donne e dalla moda. Ho sempre disegnato, di professione faccio la musicista, ma sono diplomata in moda nell’Istituto Statale d’Arte, ho fatto 4 anni di Accademia delle Belle Arti, e sono laureata in Storia dell’Arte, per cui musica ed arte sono sempre andate a braccetto nella mia vita, e le donne, chiaramente, rimangono sempre affascinate, quando si parla di moda e di costume, perché influenza la bellezza.

2 minaQuando è iniziato a concretizzarsi il progetto “Divine”?

 Questo progetto è partito, come tanti atri progetti, durante la pandemia. Ho iniziato a disegnare, ho messo giù quest’idea, ed un po’ alla volta si è concretizzata. Dopo solo 4 anni, lavorando a spizzichi e bocconi, finalmente “Divine”, è arrivato a conclusione. Essendo un libro illustrato, ed è un oggetto bello, che io spero vada a finire nelle case, nei coffee table di tutto il mondo. Certo la parte bella sono le immagini, poi spero, dopo aver guardato le immagini, venga incuriosito da quello che c’è scritto.

 

E come musicista qual è il suo mondo di competenza?

Sono una cantante compositrice, suono il pianoforte, ma sono una cantante prettamente jazz. Scrivo e compongo i miei brani. Ho pubblicato il mio primo album nel 2006, album che è stato candidato a “Los Angeles Musica Word” sotto tre categorie, ed ho vinto due “Musica Word” con il mio primo album. Posso senz’altro affermare di essere molto soddisfatta delle mie creature. È chiaro che essendo vissuta negli Stati Uniti per 25 anni questo riconoscimento mi ha veramente gratificata, ma, comunque, mi sento assolutamente legata all’Italia ed alle mie radici.

 A questo punto non posso altro che chiedere a quale parte della penisola si sente appartenere?

 Origine calabrese, una del Sud, che più terrona non si può. Il mio album, ha molti profumi mediterranei, e musicalmente parlando richiama molte sonorità meridionali. Canto sia in italiano che in inglese, come questo libro, che è scritto sia in italiano che in inglese, proprio perché il mio pubblico è un po’ variegato.

Cosa c’è dietro l’angolo per Giovanna?

Viaggerò per continuare a presentare questo progetto, parlo del libro “Divine”, che parte dall’arte, ma si presenterà anche nei teatri, nei concerti. Desidero mettere insieme, a 360 gradi, quella che è la mia performance, non solo visiva, in questo caso, ma musicale.

Antonio Ventura Coburgo de Gnon

Salvare
Scelte dell'utente per i cookie
Utilizziamo i cookie per fornirti i migliori servizi possibili. Se si rifiuta l'uso di questi cookie, il sito Web potrebbe non funzionare correttamente..
Accettare tutto
Rifiutare tutto
Maggiori informazioni
SOCIALS
Facebook
Accettare
Rifiutare
Twitter
Accettare
Rifiutare
Linkedin
Accettare
Rifiutare
COOKIE ANALITICI
GOOGLE
Accettare
Rifiutare