corpo 10 settimanale online

Il 12 luglio alle ore 18,30 alla Sala Ghio Schiffini la Mostra "Cabinet d'amateur con asini iconoclasti - Misteri del Quadro Fiammingo" di Frans Francken

 INVITO cabinetNell’ambito della rassegna Arte in Economica, la prestigiosa Società Economica di Chiavari in Via Ravaschieri 19 invita alla scoperta di un’opera di grande pregio. Si tratta del Cabinet d’Amateur con asini iconoclasti, olio su tela del pittore fiammingo Frans Francken II (1581–1642), un’opera di grandi dimensioni che rappresenta lo spazio dove l’amatore cinquecentesco appassionato d’arte e di scienza raccoglieva le sue collezioni ed i suoi oggetti rari e preziosi.

L’esposizione ‘one piece’ rientra nel calendario eventi ideato dal direttivo dello storico ente chiavarese con lo scopo di promuovere e divulgare le arti ed i tesori della città e del territorio.

La manifestazione dedicata al pregiato ‘pezzo’ apre venerdì 12 luglio 2024 alle ore 18.30, presso la Sala Ghio Schiffini, con il contributo di prestigiosi relatori. La presentazione è aperta al pubblico e prevede la partecipazione di autorità locali e regionali e rimarrà aperta da sabato 13  fino a domenica 21 luglio (ingresso libero).

I relatori: Serena BertolucciDirettrice del Museo M9 di Mestre, con un intervento sui cabinet d’amateur nella storia dell’arte; Sergio GabrovecAssessore della Società Economica di Chiavari, con una descrizione del viaggio dell’opera fino all’arrivo all’attuale sede della Società Economica; ed Andrea Lavaggi, storico dell’arte, con la descrizione dell’opera.

Gli oggetti d’arte sono semiofori, conservano cioè dentro di loro un patrimonio non solo di tecnica e di stile, ma anche di storie e narrazioni.  Ed è questo che è, in maniera sorprendente, il Cabinet di Chiavari: un’opera che si presta a mille letture, che apre infinite vie di narrazione, di piccole e di grandi storie. Basta porgere orecchio o forse in questo caso “porgere occhio” e lasciarsi guidare.”- così Serena Bertolucci

La bellezza dell'opera risiede nei suoi innumerevoli particolari che attraggono e trascinano lo spettatore in un viaggio attraverso storie passate, misteri da svelare, enigmi e rimandi da decifrare. Un capolavoro che richiede una profonda conoscenza dell'artista fiammingo Frans Francken II e del suo contesto storico e artistico, ricco di contrasti e ombre.

La Società Economica di Chiavari possiede il quadro dagli inizi del secolo scorso grazie ad una donazione; dal 2010 l’opera, protetta da una teca, è esposta nella Quadreria di Palazzo Ravaschieri. L’esposizione si articola in pannelli esplicativi volti ad approfondire la conoscenza dell’autore, del contesto storico ed artistico e tutti gli aspetti più curiosi del dipinto.

  

E’ un progetto molto ambizioso per la città, che il nostro direttivo ha fortemente voluto” – afferma Margherita Casaretto, Assessore della Società Economica e responsabile del progetto – “L’opera Il Cabinet d'Amateur viene esposta per la prima volta nell’ambito di una rassegna d’arte dell’ente. La bellezza e l'importanza storica di questo capolavoro meritano di essere condivise con un pubblico sempre più ampio. Per l’occasione è stato realizzato un catalogo che ripercorre la mostra e con i riferimenti all’opera in esposizione.” 

  

L’evento gode del patrocinio del Comune di ChiavariCittà Metropolitana di Genova e Regione Liguria e del sostegno della Fondazione Carige.

Orari di visita: la mostra è visitabile ad ingresso gratuito con la possibilità di essere accompagnati e guidati da Lia Gnecco e Miriam Badalotti, dal lunedì al venerdì dalle ore 18.00 alle ore 22.00; il sabato e la domenica anche la mattina dalle ore 10.00 alle ore 12.00.

In occasione di questo importante momento artistico verrà inoltre esposto al pubblico uno dei "tesori" della Biblioteca della Società Economica di Chiavari: "L'Atlante Geografico", un'opera illustrata di grande pregio. 

Il "Theatrum orbis terrarum sive atlas novus, in quo tabulae et descriptiones omnium regionum editae a Guiljel. et Ioanne Blaeu" realizzato da Blaeu, Willem Jansz <1571-1638>, Blaeu, Joan <1596-1673>, ad Amsterdam nel 1635.  L'opera è in buono stato di conservazione dopo il restauro avvenuto nel 2006.

Marina Bertucci

 

Salvare
Scelte dell'utente per i cookie
Utilizziamo i cookie per fornirti i migliori servizi possibili. Se si rifiuta l'uso di questi cookie, il sito Web potrebbe non funzionare correttamente..
Accettare tutto
Rifiutare tutto
Maggiori informazioni
SOCIALS
Facebook
Accettare
Rifiutare
Twitter
Accettare
Rifiutare
Linkedin
Accettare
Rifiutare
COOKIE ANALITICI
GOOGLE
Accettare
Rifiutare