corpo 10 settimanale online

Quando la creatività si sposa con la ricerca con il risultato di opere estremamente femminili ed affascinanti, Materiali inusuli sposati a pietre semi preziose e con lavorazioni alquanto domplicate.

Quando hai trovato l’imput per la creazione di gioielli?

Il desiderio di creare gioielli handmade nasce per caso: hobby? Passatempo? Forse anche il desiderio di verificare se anche io possedevo un pizzico di quella vena artistica che era prerogativa della famiglia di mio marito e lui stesso.

Non usi materiali usuali come i metalli preziosi, una scelta voluta, una ricerca di novità o di necessità?

i gioielli di giusy donini ridimenHo iniziato con le paste polimeriche, poi la chainmaille. Tecnica che utilizzando l'intreccio di anelli di alluminio anodizzato, consente di ottenere intrecci che modificano una semplice catena metallica. Non ero soddisfatta però.  Navigando e curiosando nel web alcune creazioni di designer Bijoux/gioielli mi hanno colpita, ed ho iniziato ad apprezzare perline, cristalli, Swarovsky e perle. Utilizzando questi materiali, e con la tecnica embrodery (ricamo) e la tessitura di perline, nascevano accessori semplici o estremamente importanti Sfidando la mia totale inesperienza ho creato la prima collana importante. Una collana che ha dato il via al mio "debutto" nel mondo degli accessori fashion.  Collana richiesta a Parigi per il Musical SIDDHARTA, indossata dalla Regina Maja abbinata al suo costume di scena. Intanto continuo le mie creazioni variando sui materiali che le compongono. Seta giapponese Shibori, pietre dure semi-preziose, perle naturali di acqua dolce, cristalli swarovsky.  Recentemente mi sono cimentata anche con il cuoio e la pelle naturale. Difficile la lavorazione della pelle, soprattutto se non si ha l'attrezzatura idonea. Comunque credo di aver realizzato Bijoux particolari e gradevoli.  Non uso metalli (oro/argento e altro) perché non saprei modularli. Ritengo comunque che anche gli elementi che compongono le mie creazioni, possano essere definiti materiali "preziosi".

I tuoi gioielli sono piuttosto barocchi, è un periodo che dal punto di vista artistico ti piace ed alla quale t’ispiri?

Non credo di ispirarmi volutamente al "barocco". Partendo da un elemento principale (pietre naturali semi-preziose) creo intorno tutto quanto può farlo risaltare. Il risultato finale probabilmente può rientrare nello "stile Barocco ".

Quale tipo di donna indosserebbe le tue creazioni?

 Immagino la mia creazione indossata da una donna che vuole sentirsi unica anche indossando un semplice abito "tubino". 

Se non erro, la voglia o meglio la necessità di metterti in gioco è derivata da un grande dolore. È stato curativo il creare? Lo consiglieresti per combattere la depressione?

Mi sono messa in gioco nel 2018, dopo aver perso mio marito nel 2016.  Alta Roma, Fashion week,  Milano Fashion week,  International Fashion week (Dubai a Milano ), Etna fashion weekend. Liguria fashion week. Nel 2022 conosco il fotografo internazionale ANDREW ANDREWS (Studio 7).Nasce un rapporto di collaborazione Italia/Usa. Una collaborazione tuttora continuativa. Con grande mia soddisfazione, una mia creazione è stata aggiudicata durante un'asta di beneficenza in Florida.  Sono fermamente convinta, che la creatività allontana da stati depressivi. Ne sono testimone dato il mio vissuto.

Come vive la donna quando non crea?

Ho comunque degli interessi extra-creatività, per riempire i vuoti delle giornate: social, musica, lettura e un po’ di giardinaggio nella mia terrazza popolata di verde.

La famiglia in questo contest ti è stata vicina o…?

Fin quando c’è stato mio marito, ed i miei figli non erano ancora sposati ho avuto tutto l’incoraggiamento necessario, poi, si sa, i figli si sposano, hanno la loro famiglia, ed io sono sola a mandare avanti il tutto con il coraggio che mi contraddistingue.

Cosa non faresti tornado indietro?

Farei esattamente tutto quello che ho fatto fino a questo momento

Cosa invece ti aspetti dal futuro?

Attualmente sto cercando di ritrovare gli entusiasmi smorzati, dopo il "danneggiamento " del mio profilo, e la pagina commerciale Facebook. Non vivo bene questa inattività ma il trauma ancora non è stato superato. A mio avviso, tuttavia la migliore cura antidepressiva deve nascere dalla nostra volontà. Reagire e non mollare la presa.

Ma in effetti, chi è Giusy Donini?

Una donna forte e combattiva, che non si è lasciata sopraffare dalle difficoltà della vita, e che va avanti con coraggio e caparbietà.

Antonio Ventura Coburgo de Gnon

Salvare
Scelte dell'utente per i cookie
Utilizziamo i cookie per fornirti i migliori servizi possibili. Se si rifiuta l'uso di questi cookie, il sito Web potrebbe non funzionare correttamente..
Accettare tutto
Rifiutare tutto
Maggiori informazioni
SOCIALS
Facebook
Accettare
Rifiutare
Twitter
Accettare
Rifiutare
Linkedin
Accettare
Rifiutare
COOKIE ANALITICI
GOOGLE
Accettare
Rifiutare