corpo 10 settimanale online

Rossella Falk, la grande signora del teatro, dove la classe e la bravura come attrice ne hanno fatto un’icona del teatro.

rossella falkQuanti attori e quante attrici hanno calcato i palcoscenici dei nostri teatri. C'è chi è passato senza lasciare nessun segno significativo e chi come lei ha lasciato un'impronta indelebile nella storia del nostro teatro. Di nome fa Rossella e di cognome Falk. Rosa Antonia Falzacappa, questo il suo vero nome, ed è un'attrice romana. Dopo aver frequentato l'accademia d'arte drammatica dove incontra tra gli altri Tino Buazzelli e Nino Manfredi.  Rossella inizia una felicissima carriera teatrale. Nel 1948 riceve il premio come miglior attrice al "World youth festival" di Praga, ma essendo ancora studentessa, viene espulsa dall'accademia. Grazie alla grande Wanda Capodaglio attrice, e sua insegnante viene riammessa in accademia. Terminati i corsi di studio nel 1951, è nella prestigiosa compagnia Morelli – Stoppa, e successivamente, nella compagnia del Piccolo teatro di Milano. Il 1955 è l'anno della svolta della sua carriera quando entra a far parte della "Compagnia dei giovani". Insieme a Romolo Valli e Giorgio De Lullo. La compagnia porta in scena parecchi lavori teatrali, da Tennessee Williams a Ibsen a Pirandello. Possiamo affermare che i "Giovani", entrano di diritto nella storia dello spettacolo italiano. Se il teatro è il luogo che dà più soddisfazione alla Falk, regalandole fama, anche il cinema le regala bei ruoli, come quello che le offre Fellini in 8 e 1/2. Rossella in teatro è diretta da grandi registi come Visconti, Zeffirelli, Patroni Griffi e quel Giorgio De Lullo suo compagno di lavoro all'inizio carriera. La sua interpretazione dei "Sei personaggi in cerca d'autore" le fanno vincere il prestigioso premio San Genesio nel 1964. Dal 1981 al 1997 la Falk è il direttore artistico del Teatro Eliseo, ruolo particolarmente prestigioso in un ambito convenzionalmente maschile. Nel 2004 porta in tournée in tutto il mondo lo spettacolo "Vissi d'arte, vissi d'amore", un recital sull' opera e la vita artistica, e non solo, della grande Maria Callas. Il suo confronto con la cantante è un vero successo, degno della, sua bravura. L'ultima sua fatica cinematografica è "Non ho sonno" di Dario Argento, mentre a teatro si congeda dal suo pubblico con la piece "Est ovest" di Cristina Comencini. Dopo una breve malattia, Rossella Falk ci abbandona nel 2013, lasciando il ricordo di una grande signora dello spettacolo con un misurato mix di talento e classe.

Daniele Lorenzetti 

Salvare
Scelte dell'utente per i cookie
Utilizziamo i cookie per fornirti i migliori servizi possibili. Se si rifiuta l'uso di questi cookie, il sito Web potrebbe non funzionare correttamente..
Accettare tutto
Rifiutare tutto
Maggiori informazioni
SOCIALS
Facebook
Accettare
Rifiutare
Twitter
Accettare
Rifiutare
Linkedin
Accettare
Rifiutare
COOKIE ANALITICI
GOOGLE
Accettare
Rifiutare